Archivi categoria: Internet

Agenda: Festa della Ludoteca del Registro.it (CNR Pisa 23.05.2017, 14.30-17.30)

Era il lontano 1987 quando veniva registrato il primo dominio “.it” . Per celebrare questo importante anniversario – il 30°! – un tour ha attraversato la penisola per concludersi Road-Show-2017ora, precisamente il 23 maggio, all’Auditorium del CNR di Pisa con una grande festa organizzata dalla Ludoteca del Registro.it (l’anagrafe dei domini a targa italiana). Le opportunità e le problematiche connesse alla rete saranno illustrati ai cuybernauti secondo il seguente programma.

La Ludotelogoca del Registro.it promuove tante iniziative e attività dirette a bambini e ragazzi e ai loro genitori e insegnanti. Una di queste è Internetopoli, un’applicazione multimediale compatibile con la LIM, che, previa registrazione per il profilo di appartenenza, consente di conoscere (anche in maniera ludica) il funzionamento di internet, come utilizzarlo in maniera responsabile e trarne il meglio.

Tra cultura informatica e competenze informative: un convegno a Lione (21 e 22 maggio 2013)

vignette-emiconfIl Ministero dell’istruzione francese organizza un convegno nazionale sul rapporto tra l’educazione informatica, l’educazione alla competenza informativa e mediatica e le biblioteche scolastiche, presso l’ENS di Lione nei giorni 21 e 22 maggio 2013.

Programma disponibile all’URL: http://emiconf-2013.ens-lyon.fr/

EMMILE (Milano, 27-29.02.2011): iscrizioni aperte

Sono aperte le iscrizioni al convegno EMMILE in Libraries and Beyond – European Meeting on Media and Information Literacy Education (Milano, Auditorium Regione Lombardia, 27-29.02.2011). È assicurata la traduzione simultanea da/in italiano. L’accesso al convegno è libero, previa registrazione (scad. 10 febbraio 2012).

Digital Literacy: un sito pieno di risorse utili

È on line il nuovo sito governativo statunitense sulla Digital Literacy, pieno di informazioni utili, risorse interessanti e molto altro.

Navigare sicuri

Domani, 22 novembre si svolgerà un interessante confronto genitori/figli sul tema della navigazione in rete.  Dalle ore 17.00 sarà possibile seguire il live streaming su FB http://www.facebook.com/navigaresicuri e twitter con l’hashtag #genitorivsfigli

Navigare Sicuriorganizza GENITORI vs FIGLI – Alleati sicuri o sicuri rivali? una round table che mette a confronto educatori e ragazzi per favorire la sicurezza e la prevenzione contro i rischi della Rete. Obiettivo dell’iniziativa è quello di esplorare e stimolare il dialogo tra genitori e figli, allo scopo di prevenire e risolvere le principali criticità legate ai pericoli di Internet. In un contesto informale e colloquiale, senza schemi rigidi né ruoli predefiniti, quattro opinion leader del mondo del Web (Layla PavoneJolanda RestanoEdoardo Schenardi e Marco Zamperini) e i rispettivi figli adolescenti racconteranno, insieme ai responsabili del progetto Navigare Sicuri di Telecom Italia, il loro reciproco approccio ai fenomeni del cyberbullismo, dell’adescamento e del furto d’identità, contribuendo a identificare i territori di sinergia entro i quali educatori e adolescenti devono muoversi per difendersi dalle numerose insidie della Rete.

L’evento è parte del progetto Navigare Sicuri di Telecom Italia

Global Perspectives On School Libraries (IFLA Publication # 148)

Dall’impegno dell’IFLA-IASL Joint Steering Committe ecco finalmente disponibile “Global Perspectives on School Libraries: Projects and Practices” (IFLA 148, http://www.degruyter.de/cont/imp/saur/detail.cfm?id=IS-9783110232202-1&fg=BB-01).

Il “lancio” ufficiale avverrà nelle prossime conferenze IASL e IFLA, ma intanto chi è interessato può scorrere il sommario:

Foreword : Messages from the Sponsoring Associations / Randi Lundvall and Diljit Singh

Introduction : School Libraries: Joint Efforts for a Key Role / Luisa Marquardt
Part 1  School Library Education and Implementation Models
Chapter 1: A Self-Evaluation Model for School Libraries in Portugal / Gloria Bastos, Elsa Conde and Rosa Martins
Chapter 2: Building a Model School Library at Madrasah Tsanawiyah Negeri Piyungan in Yogyakarta, Indonesia / Labibah Zain, Marwiyah and Sri Rohyanti Zulaikha
Chapter 3: Developing Understanding of Information Literacy in the Croatian School Environment / Sonja Spiranec and Mihaela Banek Zorica
Chapter 4: Personal Learning Networks and Participatory Culture: Getting Teacher-Librarians Connected in the 21st Century /  Jennifer L. Branch and Joanne de Groot
Chapter 5: A New Operational Culture: The Case of the School Library in the Information Society Project in Oulu, Finland / Eeva Kurttila-Matero, Maija-Leena Huotari, and Terttu Kortelainen
Chapter 6: Assessing School Library Learning Environments / Barbara Schultz-Jones
Part 2  Promoting Literacies through the School Library
Chapter 7: Reading Opens All Doors: An Integrated Reading Project at Genazzano College in Melbourne, Australia / Susan La Marca, Sandra Hardinge and Lyn Pucius
Chapter 8: Fun with Readathon: Helping Namibian Children to Love Books / Andree-Jeanne Totemeyer
Chapter 9: Developing Information Literacy through Primary School Libraries in Nigeria / Virginia W. Dike, Margaret N. Ngwuchukwu and Grace U. Onyebuchi
Chapter 10: GiggleIT and Global Citizenship: School Libraries, Literacy, and Laughter / Kathryn Massingill Manck, Patricia Carmichael, and Barbara Combes
Chapter 11: Body in the Library: A Cross-Curriculum Transliteracy Project / Judy O’Connell
Chapter 12: HIV/AIDS Corners in Botswana Schools and Libraries / Margaret Baffour-Awuah
Part 3  School Libraries for All
Chapter 13: School Libraries and Human Rights / Marian Koren
Chapter 14: Camels, Burros, Elephants, Boats and Trucks: Bringing Books and Literacy to Children in Remote Communities / Ray Doiron
Chapter 15: Botswana’s Book Box Service to Primary Schools / Margaret Baffour-Awuah
Chapter 16: Participation of Croatian School Librarians in Teaching Children with Intellectual Disabilities / Ivanka Stricevic and Ivana Peric
Chapter 17: Lubuto Library Project: Bringing Knowledge to Zambian Children / Stacy Langner, Jane Kinney Meyers and Mary M. Wagner
Part 4  Expanding the Reach of School Libraries through Technology
Chapter 18: Providing Web-Based Online Reference Resources for Schools: An Alberta Success Story / Diane GallowaySolowan
Chapter 19: The Belgrano Day School Model Project: Using Mobile Technology in a School Library in Argentina / Ana Ester Rossaroli
Chapter 20: Information Literacy on the Move: Mobile Learning with Netvibes, QR Codes and More / Sarah Pavey
Chapter 21: Web 2.0 and Our School Library at The Hamilton and Alexander College in Victoria, Australia / Margaret Simkin
Part 5  Government Initiatives for School Library Development
Chapter 22: The School Library as a Powerful Tool to Empower Literacy and Improve Schools: A Swedish Government Initiative / Helle Barrett, Bibi Eriksson and Maria Gunnarsson Contassot
Chapter 23: School Libraries in Reading Education and the Promotion of Information Literacy:  The Norwegian School Library Programme / Siri Ingvaldsen
Chapter 24: Seize the Day! Developing School Libraries in Finland / Liisa Niinikangas and Esa Poikela
Chapter 25: A Long Walk to Significant School Libraries for All: Government Policies in Portugal, 1986-2010 / Maria Jos� Vitorino
Part 6  Organizations for School Library Advocacy and Development
Chapter 26: ENSIL: Advocacy of School Libraries in the Educational Context / Lourense H. Das
Chapter 27: SLA: Using Advocacy and Evidence to Move Forward / Tricia Adams
Chapter 28: RuSLA: Policymaker for School Library Development / Tatiana Zhukova
Chapter 29: IFLA SLRC: Developing Policy and Guidelines / Randi Lundvall
Chapter 30: IASL: Sustaining the School Library Vision for 40 Years / Dianne Oberg
Afterword / Luisa Marquardt and Dianne Oberg
Index

Always Connected:la dieta mediale dei nativi digitali

Un nuovo report del Joan Ganz Cooney Center sulla dieta mediale dei nativi digitali.

Il report intitolato Always Connected: The new digitial media habits of young children evidenzia che:

  • i bambini hanno accesso a tutti i tipi di media digitali, ma per il momento è la televisione che continua a farla da padrone (forse  perchè è la più facile da usare?)
  • dopo gli 8 anni in poi abbandonano sempre più la tv per arricchire la dieta mediale con altri dispositivi
  • il digital divide è anche dato da fattori economici, nonostante i prezzi dei dispositivi calino sono le fasce più svantaggiate a non potervi accedere e l’accesso ai nuovi media in famiglia si rivela fondamentale per sviluppare la competenza informativa necessaria a usarli in maniera consapevole
  • sempre più la fruizione avverrà attraverso dispositivi mobili: siamo pronti alla sfida? Mobile media appears to be the next “it” technology, from handheld video games to portable music players to cell phones. Kids like to use their media on the go

Vi riportiamo un piccolo estratto:

Kids closer up: A typical day media log Gabriela Perez is 8 years old and lives in a northeastern neighborhood of Los Angeles. The following is a time log of her after-school hours on an average Tuesday:1:45 p.m. – 2:30 p.mWatches TV (Disney Channel and ABC Family Network)2:30 p.m. – 3:15 p.m.Homework, interrupted by online video viewing with Mom3:15 p.m.Homework, done on coffee table in front of TV (Oprah)4:00 p.m. – 5:00 p.m.Online gaming (Club Penguin)5:15 p.m. – 6:00 p.m.Goes with Mom to pick up Dad from work, calls cousin on cell phone during the drive7:00 p.m. – 7:30 p.m.Dinner7:30 p.m. – 8:00 p.m. Watches TV with Dad (Discovery Channel)8:00 p.m. – 8:20 p.m.Plays Nintendo DS (Pictochat with next-door neighbor)8:20 p.m. – 9:00 p.m.Watches TV with parents until bedtime

Grazie a Silvia Franchini per la segnalazione!

Stare su Facebook responsabilmente: un decalogo

Prendiamo spunto da questo post e lo riadattiamo per creare un decalogo di una presenza sociale consapevole su Facebook.

10 cose da sapere quando vai su Facebook ( e da insegnare ai ragazzi)

  1. non taggare i tuoi amici in foto dove non ci sono e non usare i tag nelle foto per fare pubblicità. Un tag è un contenuto informativo, non un modo per segnalare a qualcuno che hai pubblicato una foto o per fargli conoscere un’informazione 🙂
  2. l’amore ai tempi di FB: se ti lasci non taggare il tuo ex in foto del passato, pensaci bene prima dichiarare la tua relazione e se rompi aspetta almeno un po’ prima di cambiare il tuo stato sentimentale altrimenti verrai subissato da richieste di spiegazioni pubbliche sul profilo (e queste cose sono un po’ private no?)
  3. non invitare i tuoi amici a aggiungere applicazioni stupide o a iscriversi a gruppi scemi o offensivi (e ovviamente non farlo tu)
  4. non taggare gli amici in foto dove sono venuti particolarmente male o adottano comportamenti poco edificanti, ricordati quello che pubblichi sul web ti rimane appiccicato addosso che tu lo voglia o no.
  5. quando pubblichi qualcosa pensa se vorresti che i tuoi genitori, insegnanti, le persone che stimi la vedano, solo dopo averci pensato pubblicala
  6. mai accettare l’amicizia degli sconosciuti perchè saprebbero tutto di te
  7. non inviare due volte una richiesta di amicizia: se non ti ha accettato la prima volta non lo farà ora, non insistere
  8. se togli qualcuno dagli amici sii consapevole che 90 su 100 si offenderà
  9. cambia le impostazioni dell’account per decidere chi può vedere e cosa del tuo profilo
  10. se crei un evento ricordati di mettere privato e non RSVP sennò sono guai http://www.bbc.co.uk/news/uk-england-beds-bucks-herts-11376350

Varie cose sull’e-reading

Vi abbiamo anticipato di avere trovato molto edificante e istruttiva la lettura di The Super Book of Web tools for Educators. Nella ricchissima miniera di spunti offerti abbiamo selezionato qualche spunto per voi ovvero siti e utilities che hanno a che fare con il tema libro-lettura.

Piccolo elenco (i credits li sapete già):

Kerpoof is a necessity in any elementaryclassroom. This free online creativity center lets students create theirown pictures, drawings, storybooks, movies, and practice spelling. TheKerpoof studio provides students with scenes, characters, and props.Students can use these tools to create pictures, stories, or movies thatthey can write and direct. These can be saved directly to the Kerpoof website or downloaded as ajpeg file to student computers.

  • http://storybird.com/ (spettacolare! Meriterebbe un post a parte e sicuramente è da non sottovalutare!)

Story bird is a fun collaborative storytellingwebsite. Storybird makes it easy to create and tell stories digitally. Studentsand teachers can create stories together by combining imaginative artworkand text. The final product can be printed, watched on screen, played withlike a toy, or share in an online library with the world. Storybird “promotesimagination, literacy, and self-confidence.”

Il loro canale su Vimeo http://vimeo.com/user1522649

Creaza (http://creaza.com)is a suite of web-based creativity tools. Thereare four tools in the Creaza toolbox that will help your students organizeknowledge and tell stories in new creative ways. Mindomo is the mindmapping tool. Students can use this tool to organize thoughts, ideas,links, and other information visually. Mindomo is the perfect tool forexploring new material, looking at connections, and organizing thoughtsfor further development. The mind map topics can contain media files,links, and text.Cartoonist is a cartooning tool that students can use to create multimedia stories.Cartoonist can be used to create comic strips or more personal digital narratives. The finishedproduct can be viewed online or printed out.Movie Editor helps students produce their own movies based on Creaza’s thematicuniverses, video, images, and sound clips. Students can use the Movie Editor to edit a shortfilm, create a news cast, a commercial, a film trailer, etc. Movie editor can import film clips,sound clips, and images to tell a story.Audio Editor is the final tool in Creaza’s creative suite. Audio Editor is a tool that allowsyour students to produce audio clips. Students can use Audio Editor to splice together theirown newscasts, radio commercials, radio interlude, etc.Creaza allows your students to display learning creatively.

Easy Bib is a powerful and very useful toolthat helps students (and teachers) properly cite in MLAand APA formats for formal reports. This site even allowsyou to enter a book’s ISBN number and then automatically fillsin the information for you. It can print the information out, export it to a WordDocument or PDF, and even email it to you.

40 Conferenza IASL (Jamaica, 7-11.08.2011) e IFLA SLRC-IASL Joint Meeting (5.08.11)

È in preparazione la 40.a Conferenza annuale internazionale dell’International Association of School Librarianship e il 15 Forum on Research in School Librarianship, a Kingston, città in cui nel 1971 fu costituita la IASL.
La storica conferenza si terrà presso e in collaborazione con l’Università della Jamaica e l’associazione LIAJA dal 7 all’11 agosto 2011 e sarà preceduta da una conferenza congiunta IASL – IFLA School Libraries Resource Centers che si svolgerà il 5 agosto. A breve sarà lanciato il call for papers delle due iniziative.

Next Generation Learning Challenges

 

 

Quando i privati investono in cultura…

La Bill & Melinda Gates Foundation lancia una nuova sfida che riguarda l’educazione dei nativi digitali.

Con la recente  ”New Initiative Will Advance the Best Uses of  Technology  to Improve College Readiness and Completion”,  la Bill & Melinda Gates Foundation ha lanciato un’ultima sfida ai sistemi tradizionali di insegnamento volta a coinvolgere le Università statunitensi in un progetto finanziato con 20 milioni di dollari che vuole ricondurre il sistema educativo americano agli standard di eccellenza del  passato “espandendo le promettenti opportunità della tecnologia”.  “We are living in a tremendous age of innovation. We should harness new technologies and innovation to help all students get the education the need to succeed”, ha affermato Bill Gates. La “ Next Generation Learning Challenges” , questo il nome dell’iniziativa dedicata all’insegnamento e inquadrata nell’ambito di una serie di sfide che la Fondazione intende portare avanti negli anni in collaborazione con altre fondazioni tra le quali la Fondazione non profit EDUCAUSE, prevede finanziamenti (che si aggirano nella loro totalità intorno a 20 milioni di dollari) alle istituzioni che appartengono al contesto dell’educazione ma anche ad imprenditori e aziende che operano al di fuori, che presentino proposte innovative che attengano a nuovi modelli di insegnamento e apprendimento basati sulle nuove tecnologie e sulle possibilità del social web.

Quattro i temi intorno ai quali devono concentrarsi le proposte: incrementare l’utilizzo di modelli di “blended learning” che combinino l’istruzione face-to-face con attività di apprendimento online; accrescere il coinvolgimento degli studenti nelle attività di apprendimento interattivo  con giochi digitali, video interattivi, simulazioni immersive e social media; prevedere la disponibilità di open courseware di alta qualità; aiutare le istituzioni, i docenti e gli studenti con analisi dei dati di apprendimento in modo da monitorare i progressi degli studenti in tempo reale  personalizzando gli interventi.

Tra le sfide della Fondazione anche l’”Access to Learning Award”, premio destinato alle biblioteche  pubbliche e istituzioni similari che operano al di fuori dagli Stati Uniti, che intende riconoscere gli sforzi volti a connettere la gente all’informazione attraverso il libero accesso ai computer ed alla rete ed offrire servizi che garantiscano: “Free public access to computers and the Internet,  Public training to assist users in accessing online information that can help improve their lives,  Technology training for library staff,  Outreach to underserved communities”.

Il premio da 1 milione di dollari nel 2010 è stato assegnato alla Veria Central Public Library, biblioteca pubblica greca, “for its creative use of information and technology services to meet economic, educational and cultural needs of more than 180.000 people”.

Per saperne di più sul progetto della Veria Central Public Library http://www.gatesfoundation.org/atla/Pages/2010-atla-winner-veria-central-public-library-greece.aspx

Date un’occhiata ai loro Magic Boxes.

[Via: CIBER newsletter]

9 febbraio 2010: Safer internet day

Il 9 febbraio si celebra il Safer Internet Day, giornata dedicata alla sensibilizzazione sull’uso consapevole di internet

Questo lo slogan: Think B4 U post!

Dal comunicato stampa:

Il 9 febbraio 2010 si celebra in più di 60 paesi in tutto il mondo, la VII del Safer Internet Day, la giornata Il di sensibilizzazione dei minori all’utilizzo sicuro e responsabile di Internet e dei nuovi media da parte di bambini e adolescenti, istituita dalla Commissione europea nel 2004.Quest’anno la giornata pone l’attenzione sulla gestione dei dati e delle immagini personali online con lo slogan “Posta con la Testa” (“Think b4 U post!”).Le nuove tecnologie hanno trasformato tutti noi, e per lo più i giovani, in autori ed editori di informazioni, immagini e video, in grado anche di gestire la nostra identità online in modo da diventare famosi. Se da un lato, le nuove tecnologie offrono nuove opportunità di espressione personale e creatività, dall’atro, possono anche portare a situazioni imbarazzanti o addirittura sconcertanti. Per esempio, una foto, una volta pubblicata online, vi resta e può essere vista da chiunque, anche dopo anni che è stata messa in rete. Postare oggi una foto scattata ad un party può avere conseguenze domani, ad esempio, sul modo in cui un potenziale datore di lavoro valuterà una domanda di lavoro. Quindi, i bambini e gli adolescenti devono essere messi in grado di saper gestire la propria identità online in modo responsabile e, allo stesso tempo, rispettare il diritto altrui di scegliere se postare o meno certe informazioni o foto online.


Per partecipare con qualche iniziativa contattare il referente italiano dell’Insafe network

Per una prima panoramica sul tema internet sicuro segnaliamo:

Da leggere:

Generazione Facebook

I nativi digitali ovvero la Generazione Facebook questo il tema della puntata di Geek Files

Interventi di
Dr. Gary Small (Neuroscienziato, UCLA)
Howard Rheingold (Insegnante e saggista, Stanford University)
Giovanni Boccia Artieri (Prof. Nuovi Media, Università di Urbino “Carlo Bo”)
Paolo Ferri (Prof. Tecnologie dell’Insegnamento, Università di Milano “Bicocca”)
Antonio Fini (Prof. Tecnologie dell’Educazione, Università di Firenze)

Da non perdere! (Grazie Virginia per la segnalazione)

OLPC per tutti in Uruguay

olpc

Si chiama Plan Ceibal e prevede la distribuzione dei pc di Negroponte (XO) a tutte le scuole urugaiane.
Il costo, pari a 260 dollari a pc prevede il pc stesso, la manutenzione e la formazione. Negroponte non è ancora riuscito a raggiungere il sogno del pc a 100 dollari ma, come dice in una recente dichiarazione, The dream is not over
Gli XO sono in arrivo anche in Rwanda e nella striscia di Gaza
Per approfondire: Laptop for every pupil in Uruguay
[Fonte: Corriere della sera]

Il booktrailer per la promozione del libro scientifico

Fonte: [La compagnia del libro]

Tecnologia per bambini: ecco i gadget

TeddyPhone

TeddyPhone

Sul quotidiano La Repubblica del 3 luglio 2009 un interessante articolo di Alessandro Longo (“Pc a fumetti e mini telefonini parte la caccia al tecno-bambino) fa il punto sulla situazione dei gadget tecnologici destinati ai digitali nativi.

Ecco una breve carrellata:

Dopo il Primofonino e M01 ecco arrivare GlowPhone di FlyMobile (per ora solo negli UK) e TeddyPhone caratterizzato da emissioni radio veramente basse. Dalla Danimarca arriva invece il primo operatore dedicato ai bambini dai 5 agli 8 anni: Wigomo che permette ai genitori, tramite il Gps di sapere sempre dove si trova il bambino.

Il capitolo computer è ricco, oltre che di JumPc e di XO, di Netpal (lanciato da Asus e Disney e per ora disponibile solo negli USA). Tutti Pc dai costi contenuti e dalla robustezza provata. Dalla Corea invece arriva Kidscom Pc (solo mercato estero).

Un nuovo mercato che si apre per questi tecno-consumatori, le aziende stanno già cavalcando il trend, la formazione all’uso corretto e all’immissione di contenuti creativi spetta invece a biblioteche, scuole e formatori.

Apre a Mantova Lab Com

labcom

Il 18 aprile prossimo verrà aperto a Mantova LabCom, un laboratorio multimediale dedicato ai giovani (target 16-30 anni) che vuole essere

lo spazio dei giovani nella comunicazione.

LabCom è uno spazio multimediale a disposizione dei giovani per sviluppare le loro idee creative nel campo della comunicazione

Sul sito http://www.labcomgiovani.it/index.htm si può consultare il ricchissimo calendario di attività proposte.

Ringraziamo Valentina per la segnalazione e ci auguriamo che LabCom diventi una buona pratica da copiare!

Telefono Azzurro e You Tube contro il bullsimo

Telefono Azzurro lancia un proprio canale video http://www.youtube.com/telefonoazzurro dedicato, in particolare, a ospitare contenuti informativi sul bullismo.

Agenda: Safer Internet day 2009- 10 febbraio

sid_logo_insafe_100

Domani è il Safer Internet Day ovvero navighiamo in tutta sicurezza, promossa dalla Commissione Europea e da InSafe, network europeo per Internet sicuro (Press release qui).

Tema 2009: social networking.

L’evento principale del Safer Internet Day 2009 si svolgerà in Lussemburgo e sarà presenziato da Viviane Reding, Commissario Europeo per la società dell’informazione e dei media. Il tema sul quale l’evento concentrerà l’attenzione è il social networking: un fenomeno che si è ampiamente e rapidamente diffuso tra i giovani negli ultimi anni.
Il 10 Febbraio 2009, i più importanti siti di social networking in Europa firmeranno un accordo in cui l’industria si impegnerà a massimizzare i benefici della rete impegnandosi a far fronte ai rischi per bambini e giovani.

Per saperne di più: http://www.saferinternet.org/ww/en/pub/insafe/sid.htm

Polilab KIDS

PoliLab Kids, progetto del laboratorio HOC del Dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano realizzato con il supporto della Fondazione Cariplo , è un repository di brevi video animati
per bambini di età compresa tra i 6 e i 10 anni.

[Fonte: Maestro Alberto]