IFLA WLIC 2017: Literacy and Reading Section

Passaggio del testimone anche in questa Sezione ( IFLA Literacy and Reading Section). Annie Overall cede l’incarico di presidente della sezione ad Adrian Langendock; nuova segretaria della sezione è Atlanta Meyer; confermata responsabile per la comunicazione, il web e il blog Sylvia M. Vartell.

Anche questa sezione, come tutte le altre, è impegnata nell’elaborazione dei contributi per l’IFLA Global Vision. Si è discusso anche dei temi – come ambiente, sostenibilità e biblioteche – da affrontare nel 2018 in collaborazione con altre sezioni IFLA; del logo sia della sezione sia del sito Literacy Matters.

Annunci

IFLA WLIC 2017: School Library Section

SAM_5865L’apertura ufficiale dell’83. IFLA WLIC 2017, a Wrcoclaw (Polonia), si svolgerà domani 20 agosto, ma il lavoro nelle varie sezioni e gruppi è già cominciato ed è particolarmente intenso. Per esempio, la Sezione Biblioteche Scolastiche ha cominciato i propri lavori alle ore 8.00 presso il Centro congressi.

25 partecipanti, rappresentanti 19 paesi (Brasile, Canada, Croazia, Francia, Germania, Giappone, Italia, Kenya, Malesia, Norvegia, Nuova Zelanda, Polonia, Qatar, Singapore, Sud Africa, Svezia e USA), hanno illustrato ciascuno cosa hanno realizzato nel settore in questi ultimi mesi nel settore delle biblioteche scolastiche e per l’IFLA School Library Section. La Presidente uscente, Prof. Lesley Farmer, ha riferito i risultati del workshop sull’implementazione delle nuove linee guida IFLA per le biblioteche scolastiche, svoltosi ieri all’Istituto Pedagogico. I materiali utili per simili workshop da organizzare localmente saranno resi disponibili a breve nelle pagine della Sezione. Durante l’incontro si sono svolte anche le elezioni delle nuove cariche: la nuova “chair” della Sezione è Joanne La Plante (Montreal, Canada), la Segreteria Valerie Glass (Lione, Francia) e come responsabile della Comunicazione e del web è stato confermato Albert Boekhorst (Brasile e Olanda). Si è discusso dei possibili temi e attività da svolgersi nel prossimo futuro e, particolarmente, in occasione dell’IFLA WLIC a Kuala Lumpur nel 2018.

Agenda: IFLA WLIC 2017 (19-25/08/2017)

web-version-medium_261-921L’83a conferenza mondiale dell’IFLA si terrà in Polonia, a Wroclaw, dal 19 al 25 agosto prossimi sul tema “Libraries. Solidarity. Society” (Biblioteche. Solidarietà. Società).

Il programma è molto articolato e in grado di soddisfare i bibliotecari delle varie tipologie. Molti gli appuntamenti organizzati dalle varie sezioni – Ragazzi, Scolastiche, Multiculturali, Information Literacy ecc.-  che possono risultare interessanti per i lettori di questo blog. Per maggiori dettagli visitare il sito della conferenza e consultare il programma.

L’Italia sarà presente con una delegazione coordinata dall’AIB – Gruppo internazionalizzazione, che si incontrerà il 20 agosto per fare il punto sui lavori delle varie sezioni e gruppi in cui sono presenti membri italiani; gli stessi, al rientro, condivideranno le novità attraverso l’AIB e altri canali. Vi terremo informati!

Biblioteche innovative scolastiche: un’occhiata all’infografica

piano-nazionale-scuolaDa una prima occhiata alla infografica, pubblicata dal MIUR per fornire un quadro territoriale sintetico dei primi 500 progetti ammessi al finanziamento previsto dall’Azione #24 del PNSD, quasi la metà è rappresentata da scuole del Lazio, dell’Emilia Romagna e della Campania.

Per quanto riguarda il Lazio, come riportato da vari quotidiani (v. articoli di Simona De Santis ne Il Corriere della Sera dell’11 agosto e di Alessandra Paolini ne la Repubblica del 12 agosto, ecc.), spiccano le scuole di Roma e provincia, con la particolarità, per quelle nel territorio municipale di Roma, dell’affermazione del modello “Bibliopoint“, cioé una biblioteca scolastica aperta anche al territorio, in convenzione con il sistema bibliotecario cittadino “Biblioteche di Roma” (v.anche il relativo comunicato). D’altra parte nessuna biblioteca può funzionare come monade isolata: la cooperazione si rivela una strada vincente per fornire un’offerta integrata e qualificata di lettura, informazione, attività educative, iniziative culturali.

Biblioteche scolastiche innovative: pubblicata la graduatoria

Infografica Biblioteche innovative (Fonte: Miur 2017)

Infografica Biblioteche innovative (Fonte: Miur 2017)

L’Azione #24 “Biblioteche scolastiche innovative”, promossa lo scorso anno nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale (PSND), prevede il finanziamento di (almeno) 500 progetti per la realizzazione e lo sviluppo di “biblioteche scolastiche innovative”, ambienti di apprendimento (anche digitale), cultura e socialità, capaci di servire sia la comunità scolastica sia quella territoriale.

Alla scadenza del 14 luglio 2016 ben 3333 scuole avevano candidato il proprio progetto. Dopo un anno di lavoro, reso particolarmente intenso proprio dall’alto numero di progetti presentati, è stata pubblicata lo scorso 9 agosto la graduatoria delle prime 500 scuole ammesse al finanziamento.

Nel comunicato stampa (accessibile QUI ) leggiamo che la Ministra Valeria Fedeli ha espresso la sua soddisfazione per “l’ampia partecipazione delle scuole a questo bando. Proprio l’elevato numero di progetti presentati ha richiesto una lunga e attenta valutazione per la creazione della graduatoria” e “Ora le prime 500 biblioteche innovative potranno essere finanziate e realizzate e presto altri 500 progetti riceveranno le risorse necessarie. Sono progetti rivolti non solo alle studentesse e agli studenti, ma alle famiglie e all’intera popolazione dei territori. Il finanziamento e la realizzazione delle biblioteche innovative sono un ulteriore passo lungo il percorso intrapreso dalla Buona Scuola per rendere la scuola sempre più innovativa, aperta oltre le ore della didattica curricolare, fruibile da tutte e tutti, attenta a fornire spunti di approfondimento e formazione continua anche agli adulti”.

Molti sono i punti qualificanti dell’Azione #24, ma uno purtroppo continua a rimanere in ombra (e temiamo che, come già in precedenza, possa inficiare la piena riuscita del progetto): il personale. Il personale è uno dei tre elementi (gli altri due sono le collezioni e gli spazi) fondamentali di qualsiasi biblioteca; quella del bibliotecario (anche scolastico) è una professione per la quale ci si forma in maniera specifica e non può ridursi a una funzione aggiuntiva o a un ripiego professionale. Anzi, come indicano la IASL e l’IFLA, nella scuola e nella sua biblioteca, proprio là dove ci si forma come lettori e cittadini, servirebbe personale stabile, dedicato e dotato di buone competenze biblioteconomiche, tecnologiche e didattiche.

Intanto, in attesa di conoscere gli sviluppi dell’Azione #24, rallegramenti vivissimi alle prime 500 scuole!

AGENDA: I Care. Don Milani e la Scuola di Barbiana. Mostra bibliografica (fino al 29.09.2017)

Don-Milani-LocandinaI Care. Don Lorenzo Milani e la Scuola di Barbiana” è il titolo della mostra bibliografica organizzata dalla Biblioteca “Broccoli” del Dip.to di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre (via Milazzo 11/b, Roma) che, dal 26 giugno al 29 settembre 2017, mette a disposizione dei visitatori libri e bibliografia di e su Don Lorenzo Milani (27 maggio 1923-26 giugno 1967).

Il motto di Don Milani era: “I care” (mi importa, mi interessa, ho a cuore, in contrapposizione al fascista “Me ne frego”), riportato su un cartello affisso nell’aula scolastica, rappresentava la sintesi della filosofia educativa, come leggiamo nella presentazione della mostra, “di una scuola, orientata alla presa di coscienza civile e sociale. La prima scuola a tempo pieno in Italia, in due stanze e all’aperto, nella canonica annessa alla piccola chiesa di Barbiana, nel Mugello in Toscana, dove era stato destinato d’autorità dalla Diocesi di Firenze. Qui realizzò una scuola aperta a tutti, partecipata, dove il programma è condiviso e il docente è un professore-amico. Lo stesso tipo di relazione che, con il termine “compagno di lavoro” aveva espresso Giuseppe Lombardo Radice per il professore universitario. Dall’esercizio della scrittura collettiva scaturì il libro Lettera a una Professoressa, pubblicato nel 1967 dopo la sua morte.”

AGENDA: Appello per la legge sul libro e sulla lettura (scad. 30/06/2017)

Il Forum del libro ha recentemente lanciato un appello con cui sollecita la ripresa dell’esame e l’approvazione della proposta di legge “Disposizioni per la diffusione del libro su qualsiasi supporto e per la promozione della lettura” (Testo unificato C. 1504 Giancarlo Giordano e C. 2267 Zampa: <https://goo.gl/pRjyeL>).

Il testo, approvato dalla Commissione Cultura della Camera, è attualmente in esame presso la Commissione Bilancio, che va sollecitata affinché l’iter, avviato nel 2013 per arrivare all’attuale versione ampiamente condivisa, frutto della collaborazione con tante associazioni (come l’AIB) e realtà, proceda celermente (e termini positivamente) prima della fine della legislatura.

Quanti condividono l’appello sono invitati a firmarlo e a diffonderlo tra quanti potrebbero aderirvi: basta inviare un’e-mail con nome, cognome, qualifica/ente di appartenenza con cui figurare nell’elenco dei firmatari, a  <info@forumdellibro.org>.