I tagli alle biblioteche

Si chiamano Losing Libraries , Paper Cuts e A Nation Without School Librarians i progetti che sfruttando il mash-up (non sai cos’è? Leggi l’ottimo contributo di Bonaria sul primo numero di J-LIS) rendono visibili agli occhi di tutti i tagli alle biblioteche. Stiamo parlando degli USA, una nazione che crede nelle biblioteche come basi della democrazia tanto da collocarne una anche nella famigerata base di Guantanamo. (Per l’amara storia della Biblioteca di Guantanamo vedi la voce Guantanamo Bay detainment camp library in Wikipedia)

Perchè non iniziamo a aggiungerci alle mappe? Il problema statunitense è vivo e sentito più che mai anche in Italia (vedi dibattito sulla fine della BEIC ad esempio)

E siccome le biblioteche non sono macchine mangiasoldi pubblici ma erogano servizi che vanno a beneficio (anche monetario della comunità) ecco un altro gadget utile: il Library Use Value CaLculator (si può personalizzare per calcolare il ROI della vostra biblioteca)

E non dimentichiamoci del mio preferito: http://geekthelibrary.org/ (ma questo meriterebbe un post a parte a dire il vero troooooppo ben fatto grazie OCLC!)

2 risposte a “I tagli alle biblioteche

  1. Anche a me piace molto Geekthelibrary…. e a proposito di tagli alle biblio vi segnalo il video : http://bit.ly/aXeRTa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...