Archivi del mese: febbraio 2008

Letteratura per ragazzi sui quotidiani: una petizione

56370995.jpg

In linea la petizione Più spazio alla letteratura per ragazzi sulla stampa italiana per chiedere, ai direttori di giornale, di dedicare sistematicamente all’interno delle rubriche sui libri uno spazio alla lettertura per ragazzi nella convinzione che

i lettori si “allevano” da piccoli. Ne sono consapevoli gli editori e gli scrittori che, peraltro, scrivono senza pensare di dover catalogare la loro opera all’interno di classificazioni (per ragazzi, per adulti) di per sé riduttive. Non è un caso che molti scrittori di libri per ragazzi siano trasversali al genere: basti citare Philiph Pullman, Carlo Lucarelli, Roberto Piumini, Massimo Carlotto, Eric-Emmanuel Schmidt, Bernardo Atxaga, Elvira Lindo, David Grossman, Amos Oz , per nominarne solo alcuni.
Nel resto d’Europa, infatti, la letteratura per ragazzi è considerata letteratura “tout-court” : in Svezia Astrid Lindgren non è meno stimata di Henning Mankel, in Inghilterra la Rowling è un caso letterario e in Francia “Il piccolo principe” di Antoine Saint-Exupéry è un classico.
In Italia, invece, Gianni Rodari (per fare l’esempio di un autore che gode di prestigio internazionale e i cui libri sono stati tradotti in 50 lingue) è ancora relegato a una posizione di retroguardia rispetto alla cultura “vera”.

Per aderire: http://www.petitiononline.com/ragazzi/petition.html

Libranch’io 2008 (Modena, 13-18 maggio)

libranchio_mo2008-medium.jpg

Il 29 febbraio p.v. scade il termine entro il quale le scuole possono preiscriversi al convegno-mostra in cui esporre i libri autoprodotti. Libranch’io è infatti l’appuntamento modenese da non perdere per conoscere e far conoscere i libri e i percorsi prodotti dalle scuole. L’appuntamento di quest’anno inoltre si presenta particolarmente stimolante in quanto dedicato all’intercultura.

Per partecipare le scuole interessate dovranno inviare a itinerari@comune.modena.it  una pre-iscrizione che indichi: scuola, classe, libro / libri proposti, breve descrizione dell’argomento, nome dell’insegnante e recapito telefonico entro il 29 febbraio 2008.

Tobia, 2: Gli occhi di Elisha

tobia.gif

Finalmente in libreria (e in biblioteca) il seguito delle avventure del microscopico, ma coraggioso, Tobia! La quercia da difendere, Leo Blue da sconfiggere, Elisha da liberare… Riuscirà “il millimetro e mezzo di coraggio” nelle sue imprese?

Timothée De Fombelle ci regala il seguito della bella storia di Tobia- arricchita dalle illustrazioni di François Place – che si presta per una lettura condivisa e tante riflessioni.

Comincia così: “Se la stupidità avesse avuto un peso, quel ramo avrebbe ceduto da un pezzo sotto il peso del maggiore. Era seduto sulla corteccia, con i piedi penzoloni nel vuoto, e scagliava frecce verso una sagoma nera che si agitava, subito sotto. Il maggiore Krolo era stupido, infinitamente stupido…”

Dicono di noi: Intervista su MyPage

top_nobaloon.jpg

Abbiamo aggiunto ai nostri link un blog interessantissimo con cui condividiamo molte affinità:blog.mypage.it

Abbiamo parlato un po’ degli argomenti che ci interessano e ne è nata un’intervista: farla per noi è stato un divertimento, speriamo vi piaccia.

La potete leggere qui: Internet tra gioco e apprendimento: intervista alle autrici di Biblioragazzi

Grazie ai colleghi di MyPage per averci offerto questa opportunità di farci conoscere e di riflettere su dei temi che ci stanno a cuore (e brindiamo a future collaborazioni? 😉 )

Libertà di espressione e accesso all’informazione: il ruolo della biblioteca scolastica

Tra le iniziative collaterali di “Stelline 2008” (Milano, Palazzo delle Stelline, Corso Magenta 64), in Sala Leonardo, venerdì  7 marzo 2008 (ore 9.30-12.30), si terrà il Seminario: “Libertà di espressione e accesso all’informazione: il ruolo della biblioteca scolastica” . A cura del Gruppo di lavoro CASPUR per il Progetto MPI-DGSI “Biblioteche nelle Scuole”.

PRESENTAZIONE
Il Seminario intende affrontare il tema del possibile ruolo della biblioteca scolastica-centro di documentazione e informazione nell’attuazione del diritto di espressione e informazione. Partendo dagli articoli 19 e 13 – rispettivamente della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (1948) e della Convenzione sui diritti dell’infanzia (1989) emanate dall’ONU -, si rifletterà sul possibile ruolo della biblioteca scolastica-centro di documentazione e informazione nell’educare al (e garantire) il diritto alla libertà di espressione che comprende quello di “ricercare, di ricevere e di divulgare informazioni e idee di ogni specie, indipendentemente dalle frontiere, sotto forma orale, scritta, stampata o artistica, o con ogni altro mezzo a scelta del fanciullo”. A tale riguardo verrà presentato un interessante percorso formativo, in presenza e on line, finalizzato all’acquisizione della competenza informativa; verranno illustrati esperienze e strumenti per la  produzione e la diffusione di informazioni, attraverso canali e supporti diversi, che anche la biblioteca scolastica può mettere a disposizione e, infine, si tracceranno le caratteristiche della Biblioteca 2.0 e i servizi che offre, con particolare riguardo alle esigenze informative del pubblico più giovane, tutti aspetti che richiedono al bibliotecario documentalista scolastico una formazione e un aggiornamento continui.

PROGRAMMA
Saluti:
MPI, Direzione generale per i sistemi informativi
Mauro Guerrini, AIB 
Donatella Lombello, AIB, Commissione nazionale biblioteche scolastiche

Luisa Marquardt, Caspur
Relazione introduttiva e coordinamento

Interventi:
Maria Ida Opocher, Liceo Scientifico “Galilei” di Verona
Radici e ali per ricercare e per conoscere. Il corso on line sull’information literacy

Paola De Castro, Istituto Superiore di Sanità
Comunicazione e informazione nella biblioteca scolastica attraverso l’incontro con esperti un ente di ricerca

Valeria Baudo, Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano
Favorire l’accesso all’informazione della Net Generation: la biblioteca 2.0

****************

N.B.: partecipazione libera, previa iscrizione (per ragioni organizzative) sia allo specifico seminario: comunicazione@biblioscuole.it entro il 3 marzo 2008 (oggetto: adesione seminario BNS 7.03.08, ore 9,30), sia al convegno generale: http://www.bibliotecheoggi.it/stelline2008/schedaadesione.php. Info: comunicazione@biblioscuole.it ; http://www.biblioscuole.it/public/evento-361.htm.

Il videogioco al Polimi: vinci il test d’ingresso

poli_mi.jpg

E’ stata ripresa dal quotidiano La Repubblica (cronaca di Milano) di oggi, la notizia del videogioco ideato dal Politecnico di Milano e rivolto agli studenti delle superiori.

Si chiama University Explorer: the Poly Game, si gioca a squadre, ci si registra sul sito http://www.universityexplorer.polimi.it/ e in premio c’è il test di accesso gratuito per i migliori concorrenti.

Ecco la trama: bisogna ritrovare un manoscritto perduto che potrebbe contenere la soluzione dell’enigma matematico P=NP

Ci sono sei indiziati tra cui due veri docenti che si sono simpaticamente prestati al gioco, i matematici Citrini e Salsa. Nel corso del gioco gli studenti esploreranno il Politecnico partendo dall sede storica di Leonardo per arrivare al livello due nella nuova sede di Bovisa. Dovranno, collaborando tra di loro, risolvere una serie di quesiti e per rispondere avranno a disposizione il sito dell’Ateneo.

I migliori potranno fare il test d’ingresso gratuitamente. Curiosi? Ci si iscrive sul sito e si gioca a partire dal 3 marzo 2008.

Cosa ci piace: spesso le biblioteche sono avvertite come luoghi estranei, freddi, che intimoriscono. Anche l’Università per uno studente delle superiori lo è. Gli incontri di orientamento parlano spesso di materie e curriculum formativi, ma che servizi ci sono, come ci si muove in questo nuovo mondo è una cosa che si apprende quando ormai già si è immatricolati. Allora ecco che il videogioco fa conoscere questa realtà.

Cosa ci ricorda: un’idea simile nel bel progetto della biblioteca di Massa di cui vi abbiamo parlato qui

Andersen n.245 – febbraio 2008

andersen-febb.jpg
… (Continua). Nella direzione di un poliedrico percorso umano e professionale.
Il numero di Febbraio di Andersen si apre con un ricordo di Gualtiero Schiaffino, del suo percorso umano e professionale, ma anche l’impegno politico, le passioni, l’eclettismo.
In indice:
Gualtiero Schiaffino_di W. Fochesato;
La vita di redazione, la rivista Andersen, il Premio, le Mostre e le iniziative di promozione della lettura_Articoli e interventi di:Enrica Guidotti, Barbara Schiaffino, Matteo Corradini, Roberto Denti, Loredana Farina, Giusi Quarenghi;
Utopia e pedagogia: la vocazione satirica e il suo ruolo critico, l’illustrazione e la satira colta e surreale_Articoli e interventi di:Sergio Staino,Pino Boero, Mario Gomboli, Massimo Bucchi, Giorgio Fasan, Luca Novelli, Ferruccio Alessandri, Ferruccio Giromini, Enrico Cirone, Giovanna Riccobaldi;
La politica: dall’impegno sociale ed ecologico alla valorizzazione del patrimonio della cultura popolare_Articoli e interventi di: Franco Corleone, Marco Vimercati, Mario Cappetti, Anselmo Roveda, Simone Repetto.

e, come sempre, le rubriche Notiziario, Libri&Collane, Vetrina.

Edicola: Library Media Connection 26(5)

videogiochi.gif

Un interessante articolo sul tema del gaming che riporta i risultati di un’indagine svolta in oltre 400 biblioteche pubbliche statunitensi nel numero di Febbraio di Library Media Connection.

Nicholson, Scott. (2008). Finish your games so you can start your schoolwork: A look at gaming in school libraries. Library Media Connection 26(5), 52-55.

Un preprint dell’articolo è accessibile all’indirizzo http://librarygamelab.org/gamesschoolwork.pdf

Per approfondire lo studio si veda: The Role of Gaming in Libraries: Taking the Pulse (pdf)

[Via: Library Game Lab of Syracuse]

Edicola: Sofglialibro dicembre 2007

sfoglialibro.jpg

Nel numero di Dicembre segnaliamo:

INCHIESTE
L’IMPORTANZA DI ESSER PICCOLI
Una ricerca sulla piccola editoria per ragazzi in Italia/ di Beniamino Sidoti
ANNIVERSARI
LA MODERNITÀ DI BRUNO MUNARI
Una mostra a Milano ricorda il grande artista e designer/di Fulvio Panzeri
PROMOZIONE DELLA LETTURA:VIAGGIANDO CON LE STORIE
In Friuli l’animazione della lettura corre sui binari / di Martina Monetti
LABORATORI
CUCINARE IN BIBLIOTECA
Un’esperienza coinvolgente tra gioco, scoperta del cibo e promozione della lettur / di Federica Buglioni e Cinzia Rossi
FARE BIBLIOTECA
UNO SPAZIO TUTTO PER NOI
La Biblioteca di Venegono Superiore (Va) indaga le aspettative degli adolescenti per migliorare l’offerta di servizi / di Marina Adotti
BIBLIOTECHE NEL MONDO
PORTE APERTE AI GIOVANI LETTORI
Le biblioteche per ragazzi in Canada / di Mariella Bertelli
LETTERATURA
LO ZOO DI ALBERTO MORAVIA: UN VIAGGIO NELLA SUA PREISTORIA
Omaggio al grande scrittore nel centenario della nascita / di Chiara Via
LO SPAZIO DELLA POESIA
STANZE FANTASTICHE
La casa delle parole dove la poesia si fa gioco / di Fulvio Panzeri
SCAFFALE PROFESSIONALE
CARLA POESIO, Librissimi 2004-2006; – GIOVANNI GRECI, Il giro del mondo in 2300 storie (F. Rotondo)

Contare le stelle a Carpi

contarestelle.jpg 

Fino al 26 marzo, a Carpi la Biblioteca Il Falco Magico presenta la mostra Contare le stelle 1987/2007: venti anni di lettura per ragazzi. La mostra, in Sala Estense, è visitabile nel seguente orario: sabato, domenica e festivi 10,00 – 12,30; 15,30 – 19,00.

Per maggiori informazioni sulla mostra e sulle attività collaterali visitate il sito del Castello dei Ragazzi.

Poliglotti dalla culla!

anan_keshet-medium.jpg Nell’ambito di “Education and Culture”, l’università turca Çukurova coordina “Languages from the Cradle“, un interessante progetto di raccolta di ninnenanne dai vari paesi europei (in particolare, Repubblica Ceca, Regno Unito, Danimarca, Grecia, Romania, Italia e ovviamente Turchia). Tutti sono invitati a contribuire con l’invio di una ninnananna (o più): http://www.lullabies-of-europe.org/IT/ITInvolved.php

Il progetto si basa su teorie pedagogiche e psicologiche sull’importanza della ninnenanna non soltanto per la loro funzione affettiva tranquillizzante e rasserenante, ma anche per quella fondamentale di sviluppo del linguaggio e della sensibilità alla musica, e di facilitazione dell’apprendimento delle lingue favorito dall’esposizione precoce, nella prima età, a una pluralità di ninnenanne in lingue diverse.

Agenda: Diversità, amicizia e irriverenza,Frascati (11-18.02.08)

57360094.jpg

Si svolgerà dall’11 al 18 febbraio presso le Scuderie Aldobrandini di Frascati l’inziativa “Diversità, amicizia e irriverenza” organizzata dal Comune di Frascati, in collaborazione con il 231° Circolo Didattico e le Edizioni Anicia Ragazzi.

Due le anime dell’evento: una ricca mostra di illustratori e una serie di inziative sulla lettura e letteratura per ragazzi.

Il programma, ricchissimo si scarica qui (pdf)

Tra le tante iniziative segnaliamo:

  • lunedì 11: l’assegnazione del Premio alla carriera all’insegnante e scrittrice Marialuisa Bigiaretti
  • Martedì 12: presso il Parco delle scienze, presentazione di Librincontro alle scienze
  • Giovedì 14, alle ore 17.00: presentazione del libro Papelucho quasi orfano, scritto da Marcela Paz, classico della letteratura per l’infanzia cilena, Gian Burrasca del nuovo millennio.
  • Venerdì 15: Adottamostri; sono presentate le esperienze della Provincia di Roma e di Cagliari nella promozione della lettura
  • Domenica 17: Io leggo, tu mi leggi, insieme ricordiamo, esperienza di lettura condivisa che vedrà come protagonisti, i nonni ed i nipoti.

E molto altro ancora, per sette giorni pieni di libri, letture e gioco!

Minimondi 2008

A Parma e provincia, dal 15 febbraio al 9 marzo prossimi, Minimondi – VIII edizione del festival di letteratura e illustrazione per ragazzi. Tra gli autori presenti, Daniel Pennac, Timothée de Fombelle, Brian Selznick, Giusi Quarenghi, Chiara Rapaccini, Ennio Cavalli, Michel Ocelot . Tra gli illustratori, Joelle Jolivet, Lucia Scuderi…
Incontri, letture, laboratori, teatro e mostre: “Bruno Munari. Il disegno. Il design” e “1,2,3…Komagata”.
Per il programma completo, visitate il sito dell’evento.

Dicono di noi: Fondazione per Leggere- Newsletter

logo2.jpg

Biblioragazzi è segnalato tra le risorse utili nel Numero 23 (7 febbraio 2008) della Newsletter per i Comuni e le Biblioteche del Sud Ovest Milano(pdf)

Segnaliamo un blog, molto interessante e ben fatto, gestito interamente da bibliotecari con molte informazioni utili per il nostro lavoro.

grazie.gif

Leggere 2.0

56586611.jpg

Il messagio di Domenico Bogliolo passato su Aib-Cur ci ricorda che è il momento di sfornare un post che avevamo in caldo da un po’.

To read or not to read: a question of national consequence” è un rapporto tecnico di 100 pagine in PDF messo a punto dalla NEA, National Endowment for the Arts di Wahington DC, “azienda autonoma” federale a capitale misto fondata nel 1965, che sostiene e finanzia molto seriamente progetti di eccellenza artistica negli USA.
Il rapporto aggiorna al novembre 2007 un analogo rapporto del 2004 “Reading at risk“, e contiene un’analisi approfondita dei modelli di lettura di bambini, adolescenti, adulti degli Stati Uniti, integrando più di 40 fonti diverse come enti federali, università, fondazioni e associazioni.
L’aspetto qui investigato è la lettura come attività d’ozio e fonte di piacere (entertainment), secondo il principio che le società non si evolvono per dovere o costrizione, ma seguendo il principio del piacere.
I risultati sono, come possiamo tutti immaginare, ampiamente preoccupanti, non solo per i lettori elementari o adolescenti, ma anche per quelli universitari, con un ovvio nesso diretto fra la non-lettura e la non-comprensione. Lo studio termina con un appello a genitori, docenti, bibliotecari, scrittori, editori, politici, imprenditori, economisti e attivisti sociali affinché pongano mano a iniziative di ogni genere per controbilanciare la tendenza alla non-lettura. Il rapporto non propone soluzioni ma dimostra l’assoluta certezza dell’esistenza del problema e pone sul tappeto l’esigenza di cominciare a trovarne soluzioni, pena un inedito e inarrestabile declino non solo culturale ma anche sociale, scientifico, economico e produttivo dell’intero Paese.

Il messaggio rimanda anche alla lettura di un interessante post di quel meraviglioso blog che è Sedic (per chi se la cava con lo spagnolo).

Il commento dà voce a un dubbio che rode anche noi da un po’ di tempo: stiamo guardando la realtà della lettura con occhiali sbagliati? E’ proprio vero che si legge di meno o si legge diverso? La next Generation ha bisogno di una lettura tradizionale o no?

lo primero que me pregunto es si todos nosotros -incluidos los que planean encuestas, analizan datos o redactan informes- no estaremos inmersos en un “paradigma lector” ya superado. […]

Abunda el informe en que la lectura es esencial para la configuración de una sociedad libre y próspera. La lectura placentera es una actividad irremplazable para el desarrollo de ciudadanos “activos y productivos” y de grupos humanos saludables. Aunque los medios electrónicos puedan también ofrecer beneficios, en ningún caso pueden sustituir el desarrollo intelectual y personal que supone la lectura frecuente.

La vera emergenza nazionale è che i giovani non amano leggere o che non sanno decodificare quello che leggono? Quanto promozione della lettura e information literacy sono collegati?

C’è spazio per entrambe nelle biblioteche; da un lato i ragazzi multitasking non riescono a concentrarsi su un testo lungo e questo non permette loro di amare la lettura, dall’altra parte devono essere versati in nuove abilità che permettano loro di capire, nella pluralità delle offerte informative, qual è rilevante per i loro bisogni.

Quale il ruolo del bibliotecario e delle biblioteche nella vita dei net-geners?

School LibraryJournal 54/2

slj2108cover.jpg

Nel numero di febbraio disponibile qui segnaliamo:

… e molto altro. Buona lettura!

I biblio-vip

Il valore di una biblioteca non è solo nella sua gratuità, requisito indispensabile che va tutelato (vedi la campagna non pago di leggere)

Ma c’è un qualcosa di più, qualcosa che ti spinge a prendere in prestito un libro anche se potresti comprartene 10 copie. E’ questo che ci è piaciuto di questa immagine dove l’ attrice Jennifer Garner porta la sua bimba (il padre è Ben Affleck e il loro 730 congiunto non è proprio da poveracci) a prendere in prestito i libri nella biblioteca pubblica del suo quartiere…

jennifer-garner-violet-affleck-library.jpg

[Via: Director’s blog]; [Immagine: Celebritycowboy]

Le competenze informative della Generazione Google

insideart_netgeneration.jpg

Un recente studio commissionato dalla British Library e realizzato dall’University College London dimostra come anche la Next-generation, cresciuta immersa nelle tecnologie al punto di meritarsi il nome di Generazione Google, abbia difficoltà nella ricerca e nella valutazione delle informazioni.

I risultati di questa indagine confermano una serie di fatti già noti:

  • i ragazzi non sono in grado di valutare l’informazione reperita
  • hanno difficoltà a formulare il proprio bisogno informativo e a tradurlo in un’efficace strategia di ricerca
  • prediligono il linguaggio naturale e hanno difficoltà a estrapolare delle parole chiave da un argomento dato

Il report intitolato Information behaviour of the researcher of the future si scarica qui(pdf)

La Google Generation è un mito?

Scegli il tuo ex libris col progetto Home Library!

jane_ray_1.jpg
Ospite al convegno “La lettura nonostante…” a Campi Bisenzio, la scrittrice Anne Fine ha promosso il suo progetto denominato Home Library. Nato dalla considerazione di quanto possa essere importante, anche per i ragazzi, avere a casa una propria biblioteca e dalla possibilità di acquistare libri di seconda mano a poco prezzo in uno dei tanti charity shop, il progetto vede la partecipazione di più di 200 illustratori che hanno disegnato degli originali ex libris. Gli ex libris, in bianco e nero o colorati, sono scaricabili gratuitamente dal sito e utilizzabili a scopi non commerciali. In questo modo si può personalizzare il libro di seconda mano, nascondendo l’ex libris del precedente proprietario e farlo diventare davvero proprio! Ci sono ex libris di tre taglie diverse (più grandi per gli albi, di media e di piccola grandezza), di colori diversi oppure tutti da colorare, il resoconto del progetto e dei mille usi che se ne possono fare.
E ovviamente una proposta a tutti gli illustratori: contribuite al progetto con un vostro ex libris!

BOBCATSSS 2008: alcuni interventi

z_logo.png

Si è appena concluso BOBCATSS 2008; dal riccco programma (tra gli speakers anche una Biblioragazza) segnaliamo: