Archivi categoria: Nuove tecnologie

Digital Readers Camp

digital-readersInteressati alla lettura e alla sua promozione ai tempi del web? Non dimenticate di dare un’occhiata a questo post  (pubblicato su “Le letture di Biblioragazzi”) riguardo al Digital Readers Camp, svoltosi a Rozzano (MI) il 17 scorso.

Tra cultura informatica e competenze informative: un convegno a Lione (21 e 22 maggio 2013)

vignette-emiconfIl Ministero dell’istruzione francese organizza un convegno nazionale sul rapporto tra l’educazione informatica, l’educazione alla competenza informativa e mediatica e le biblioteche scolastiche, presso l’ENS di Lione nei giorni 21 e 22 maggio 2013.

Programma disponibile all’URL: http://emiconf-2013.ens-lyon.fr/

Alla ricerca del libro nascosto

Un videogioco sui libri, sulla loro fisicità e sulla cultura editoriale quello proposto dagli amici del Portaletture.
Per giocare tutte le info qui 

La convergenza e i libri per ragazzi

Non è proprio un booktrailer ma un’opera liberamente ispirata a , ma lo segnaliamo perchè è fatto bene e porta l’idea della convergenza (avete presente Jenkins?) nella letteratura per ragazzi. Che ne pensate? Non sarebbero le biblioteche un buon posto dove proiettare queste opere e farci nascere dei laboratori?

Il video è ispirato alle illustrazioni di Warja Honegger Lavater ed è stato realizzato come strumento didattico nell’ambito del laboratorio “Astratto ma non troppo” dei Servizi Educativi del Palazzo Delle Esposizioni, destinato a bambini dai tre ai 6 anni.
Si tratta di un cortometraggio di animazione, la cui principale finalità è quella di sperimentare il linguaggio dell’arte astratta nell’ambito del cinema e del video, attraverso una sintesi minimalista delle forme e dei colori che propongono una combinazione vivace e informale nella descrizione dei personaggi e del tracciato narrativo di una celebre favola per bambini.
Il video è proiettato nella sede dei Servizi Educativi di Palazzo Delle Esposizione per tutta la durata della mostra “Guggenheim. L’Avanguardia Americana 1945-1980″, programmata a partire dal 7 febbraio fino al 6 maggio 2012

Bologna ragazzi digital award 2012: and the winner is…

Ecco il vincitore e le tre menzioni speciali della prima edizione del Bologna Ragazzi Digital Award

Come scegliere un ebook per bambini: golden rules nel mondo delle app

Da un po’ di tempo, in uno dei gruppi Facebook che frequento ci troviamo a parlare e discutere di digital publishing e di libri per bambini.
Con l’idea di scriverne anche qui in maniera un po’ più strutturata mi sono posta la fatidica domanda: come si recensisce un ebook, o meglio come si recensisce una app visto che di queste, nella stragrande maggioranza dei casi si tratta?
Ecco allora un piccolo elenco in parte frutto della sensibilità personale, in parte del confronto con i colleghi, in parte di riferimenti bibliografici presenti in rete. Ogni commento è gradito :-)

Gold rules ovvero app per bambini: alcune cose che so di loro:

Iniziamo con il chiarirci cosa non è un ebook:

  • un semplice libro da colorare
  • la trasposizione digitale di un libro tradizionale con un  po’ di rossetto sul maiale per dire: abbiamo anche noi gli ebook (esempio: Simone e i mostri della notte)

Quali sono le caratteristiche di un buon ebook:

  • aggiunge qualcosa alla narrazione tradizionale
  • permette varie modalità di fruizione alternativa: tra le funzioni che ci devono essere ci sono il leggi ad alta voce con la storia letta da un narratore (e su questo punto dobbiamo spesso insistere per la scelta di BRAVI narratori), leggi da solo che permetta all’adulto di leggere il libro con il bambino, la possibilità di disattivare alcune funzionalità per concentrarsi maggiormente nella lettura (un ottimo esempio: Nosy crow)
  • le animazioni sono funzionali alla storia ma possono anche venire ignorate e non disturbano la comprensione di significato del testo: é un libro, non un film o un videogioco, per lo meno fino ad oggi, anche se ho sempre maggiormente la percezione che siamo alla fase degli incunaboli con necessità mimetiche rispetto al libro tradizionale che non si giusitificano se non con la volontà di dare al lettore un passaggio soft da un mezzo all’altro. Per capire questa affermazione pensiamo ad esempio al gesto di voltare la pagina che non è necessario in un ebook eppure viene emulato in molte app ad esempio  nel mio primo amore di app The Heart and the Bottle ( su questo punto si veda l’insostibuile Roncaglia)
  • non ci si perde mai, è facile sfogliare il libro avanti e indietro o è complesso saltare le pagine e la narrazione assume un percorso troppo rigidamente stabilito?
  • deve lasciare al lettore il controllo finale sulla narrazione cosa che non viene fatta se non parzialmente nelle famose app dei Moonboot Studios (quelli che hanno appena vinto l’oscar con questa app  per intenderci) ma qui  siamo allo stadio successivo dell’ebook
  • e poi quello che per me é la prova del nove: mi viene voglia di rileggerla o una volta è già troppo?
Su questi temi in maniera più strutturata e competente discuteremo sedendoci attorno a un tavolo nel Digital Cafè della Fiera del libro per ragazzi di Bologna, lunedì 19 marzo alle 11.00. Saranno presenti  Giulio Blasi (Horizons Unlimited), Maurizio Caminito (IT insegnante di archivi e librerie), Valentina Mai (Kite Edizioni) e Caterina Ramonda (Biblioragazzi). Vi aspettiamo PAD26 B90!

Agenda: Open Education Week (5-10 marzo 2012)

Si sta svolgendo – sia online, sia in vari eventi organizzati in diverse parti del mondo, gratuiti e aperti a tutti – l’Open Education Week, organizzata dall’Open Courseware Consortium e da una serie di istituzioni aderenti all’iniziativa. Lo scopo è quello di aumentare la consapevolezza riguardo al movimento per l’educazione aperta e al suo effetto sulle attività di insegnamento-apprendimento. Connettersi, collegarsi, creare, condividere sono le parole chiave dell’evento. Maggiori info all’URL: http://www.openeducationweek.org/