I segreti del buon blogger

I 7 comandamenti per un business blog di successo:

1-conosci il tuo pubblico e il tuo scopo

Without a statistical measure of your blogging progress, adding content to your blog on a regular basis can be an incredibly lonely proposition. Is anyone out there? Does anyone care?

Questo implica farsi una serie di domande sul motivo per cui si blogga e sul tipo di successo che ci si aspetta dal nostro sforzo

  • aumentare meramente le visite e ottenere un buon traffico (lavorando sulle parole chiave e sulla disseminazione selettiva dell’informazione e sulla propria presenza on line): serve a farsi conoscere e a ritagliarsi un posto al sole in un settore specifico
  • aumentare le vendite (in termini biblioteconomici questo è un po’ difficile da tradurre)
  • creare una comunità di interesse e relazioni professionali di mutuo accrescimento (e Biblioragazzi si situa proprio qui

2-crea e approfitta di opportunità di guest blogging Non sai cosa è? Significa approfittare delle offerte di altri blogger che ti ospitano sulla loro testata, molto diffuso negli USA qui da noi è ancora agli albori, perchè  non pensare a aprirne uno allora? Se vuoi vedere un esempio http://www.thebookchook.com/2011/01/book-that-impacted-my-life-kelly.html

N.B: Se vuoi scrivere un articolo per biblioragazzi contattaci!

3-trova il tempo per bloggare: non è una perdita di tempo ma un modo per far conoscere il tuo messaggio (vedi punto 1). Ritagliati a forza del tempo e che non sia della tua vita privata, se blogghi per lavoro allora perchè devi per forza farlo la sera a casa? Battaglia per il riconoscimento del valore professionale dei social media!

4-sfrutta le parole chiave; questo in teoria è pane da bibliotecari ma sappiamo quanto spesso il nostro gergo sia lontano da quello della gente comune. Una buona idea potrebbe essere:

“It’s easy,” Birgfeld says, “to write blog posts on whatever topic springs to mind. But chances are your blog was created to help achieve business goals. In order to reach those goals, take data from your search engine marketing efforts and develop an editorial plan around your top-producing keywords.”Gather your top 10-15 keywords or phrases and write blog posts specific to each one. Keep the content compelling, but be sure to sprinkle the selected keyword (and synonyms) throughout the post. Most importantly, be sure to include those all-important keywords in the blog title and in the tags that you select.

5-lanciati nelle interviste perchè non provi a proporle ad esempio con cadenza mensile? Attenzione però anche noi di biblioragazzi ci avevamo provato ma è davvero un’attività che richiede costanza e tempo e il carattere volontaristico del nostro blog per ora non ci ha permesso di svilupparla adeguatamente

6-lancia dei call interessanti; dei call? Su un blog? (se vuoi puoi farti un’idea qui)Certo perchè no? Maestri in questo sono i blog di cucina che lanciano i loro meme e mettono in palio anche dei premi (ecco un esempio dal mio blog di cucina preferito e questo dal blog di cucina di una collega) In particolare perchè non ti lanci nei call for action? ovvero dalla teoria del blog alla pratica (un altro esempio qui). Un sistema per fidelizzare l’utente-lettore insomma.

7-pensa al videoblogging come a un’evoluzione naturale una cosa è leggere una cosa è visionare un filmato: perchè non pensi a realizzarne uno in prima persona?

E ovviamente: posta i tuoi blog su tutti i tuoi profili …

Altre idee e strategie? (al solito i commenti sono benvenuti)

[Via: SocialMedia Examiner]

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...